A scuola nei Musei – Scuola secondaria di I grado

STORIA DELL’ARTE

Percorso guidato alla mostra “Il Dovere della Festa. I Farnese e gli effimeri barocchi a Parma, Piacenza e Roma (1628-1750)”

(Parma, Palazzo Bossi Bocchi, dal 6 ottobre al 16 dicembre 2018)

L’esposizione è inserita tra le manifestazioni per la ricorrenza dei 400 anni di storia del Teatro Farnese ed è dedicata agli apparati effimeri, come gli archi trionfali, i catafalchi funebri e le macchine pirotecniche che, tra il XVII e la prima metà del XVIII secolo, hanno contrassegnato alcuni luoghi della città di Parma in occasione degli eventi festivi o funerei.

Il cantiere della Cattedrale di Parma: la storia e lo sviluppo

(1 incontro: Piazza Duomo e Museo Diocesano. Percorso attivo tutti i giorni dalle 10:00)

Il percorso è dedicato alla storia della Cattedrale, ricostruendone la storia, dalle sue origini fino al suo aspetto attuale.

Benedetto Antelami: architetto, scultore e progettista

(1 incontro: Museo Diocesano, Cattedrale e Piazza Duomo. Percorso attivo tutti i giorni dalle 10:00)

Il percorso è dedicato ad una delle figure più importanti dell’arte medievale. Attraverso l’osservazione diretta dei suoi lavori, si cercherà di ripercorrere i punti salienti della sua carriera.

Mostri, belve e animali fantastici: la reinterpretazione del mito in epoca medievale

(1 incontro: Museo Diocesano e Piazza Duomo. Percorso attivo tutti i giorni dalle 10:00)

Il percorso, che si snoda tra il Museo Diocesano e Piazza Duomo, vuole porre l’attenzione su uno degli aspetti più affascinanti del Medio Evo, ossia sull’immaginario dell’epoca, popolato da esseri mostruosi e creature meravigliose che traevano origine dalle culture orientali e, soprattutto, dal mondo classico greco e romano.

Io, Leonardo

(2 incontri: Galleria Nazionale. Percorso attivo preferibilmente il venerdì)

Nel 2019 ricorre l’anniversario dei 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci. Pittore, architetto, ingegnere, filosofo, inventore e instancabile sperimentatore, ebbe modo di lavorare per gli uomini più potenti della sua epoca, i quali ne ammiravano l’indiscutibile genialità. Attraverso il percorso si vuole celebrare il Genio per eccellenza, cercando di raccontarne le opere e le invenzioni più importanti. Il percorso è attivo preferibilmente nella giornata di venerdì.

Il Palazzo nel Giardino

(2 incontri: Palazzo Bossi Bocchi, Palazzo del Giardino)

Separato dal centro politico e religioso della città, immerso nel verde del parco, il Palazzo del Giardino è stato voluto e progettato come residenza suburbana, luogo di delizie e di svago per la corte. In qualità di reggia farnesiana e borbonica è stato arricchito nel corso dei secoli da interventi di artisti prestigiosi, che ne hanno fatto uno dei luoghi più preziosi della città. I cicli pittorici che narrano l’epopea cavalleresca, collegati tra loro dal filo comune dell’intrattenimento edonistico, e le storie di derivazione classica degli amori degli dei mostrano la raffinata erudizione dei duchi e testimoniano le funzioni cui era adibita la residenza.

Il mondo intorno: il paesaggio

(2 incontri: Palazzo Bossi Bocchi, Parco Ducale)

Un percorso didattico sul paesaggio che vuole rispondere ad una duplice necessità: da un lato stimolare l’interesse dei ragazzi verso il proprio spazio di vita, sia esso un territorio naturale o antropizzato, che nel tempo ha subito mutazioni e stravolgimenti, ma che per questo da sempre ha un ruolo fondamentale nel rapporto tra uomo e ambiente; dall’altro il percorso si propone di rintracciare i motivi e le scelte degli artisti che in passato hanno ritratto il territorio e le sue possibili rappresentazioni visive, nell’ambito produttivo ben specifico della cosiddetta “pittura di paesaggio”.

Sulle tracce di Maria Luigia

(1 incontro: Galleria Nazionale)

Attraverso il confronto di due celebri ritratti, uno scultoreo e l’altro pittorico, si ricostruirà storicamente la vicenda personale di Maria Luigia, dapprima imperatrice a fianco di Napoleone, quindi duchessa di un piccolo stato politicamente legato all’impero asburgico.

Il Teatro Farnese compie gli anni 1618-2018

(1 incontro: Teatro Farnese)

Un viaggio a ritroso nel tempo per conoscere da vicino l’affascinante Teatro Farnese, ripercorrendone le vicende storiche, la struttura costruttiva e gli allestimenti degli spettacoli barocchi realizzati con complessi ed ingegnosi macchinari scenici.

Indovina chi viene a cena?

(1 incontro: Palazzo Bossi Bocchi)

Il percorso propone un viaggio alla scoperta del cibo visto con gli occhi degli artisti che nei secoli l’hanno diversamente rappresentato. Contestualizzando gli elementi raffigurati, i ragazzi ne potranno cogliere i molteplici significati, le possibili simbologie in rapporto alle istanze culturali e sociali dei vari periodi storici.

Testa o croce

(1 incontro: Palazzo Bossi Bocchi)

Cosa sono i soldi? Quando sono nati? Perché alcuni sono di metallo e altri di carta? Ripercorrendo la storia dalle origini della moneta alla nascita della banconota, l’incontro darà modo di comprendere come il denaro sia stata una delle invenzioni più geniali e nel contempo artistiche dell’uomo e come il suo uso, per noi oggi gesto quotidiano e naturale, sia il frutto di un processo storico durato millenni.

NoveC’entro!

(1 incontro: Palazzo Bossi Bocchi)

A Palazzo Bossi Bocchi la pittura del ‘900 si racconta attraverso le opere di eccellenti maestri del panorama artistico locale: Barilli, Bocchi, Zoni, Padova… La scoperta guidata di queste collezioni darà ai ragazzi l’opportunità di avvicinarsi, con uno sguardo attento ed analitico, ai nuovi linguaggi espressivi ed agli esperimenti materici dell’arte contemporanea.

Il fascino del mito nei dipinti del Salottino Borghesi fra leggenda e storia

(1 incontro: Palazzo Bossi Bocchi)

Il percorso ripercorre brevemente la storia dei miti, da “misteriose leggende” che raccontano la nascita del mondo a “esempi di vita”, e, attraverso l’analisi delle rappresentazioni ottocentesche conservate nelle collezioni di Palazzo Bossi Bocchi, sottolinea l’importanza che il mito, con variazioni e mutamenti, ha conservato nel corso dei secoli.

La pittura della Resistenza: dipingere le barricate

(1 incontro: Palazzo Bossi Bocchi e luoghi cittadini della Resistenza)

“Ricordare il passato può dare origine a intuizioni pericolose, e la società stabilita sembra temere i contenuti sovversivi della memoria.” (Herbert Marcuse). “È il 4 agosto del 1922. La gente dell’Oltretorrente si è preparata a resistere. Alla testa degli arditi del Popolo c’è Guido Picelli, memorabile protagonista della storia dei Borghi di Parma…” I fatti leggendari di quell’anno rivivranno nelle opere di pittori parmigiani capaci di raccontare con semplice, ma fervido realismo la storia delle Barricate di Parma, la vera essenza della lotta e gli umori degli abitanti dei quartieri più popolari della città. La conoscenza dei fatti di cronaca sarà agevolata quindi dalla lettura di alcuni racconti che ci accompagneranno nel percorso. Sarà così possibile calare le rivolte nella topografia della città, seguire il loro svolgersi tra strade e piazze, seguire i tracciati dei cortei o delle folle tumultuose, ritrovare luoghi e modalità di mobilitazione costanti e ricorrenti pur a distanza di anni.

ARCHEOLOGIA

Preistoria di Parma

(1 incontro: Museo Archeologico Nazionale)

Percorso guidato tra le vetrine del museo per scoprire le tracce lasciate dai primi uomini che vissero nel territorio di Parma. Manufatti, materiali e segni sul terreno ci aiuteranno a capire com’era la vita nella Preistoria e le sue trasformazioni nel tempo.

Una città romana: Veleia

(1 incontro: Museo Archeologico Nazionale)

Alla scoperta della vita e delle abitudini di una città romana ancora oggi visibile, attraverso i reperti esposti in museo: dalle grandi statue alla Tabula Alimentaria, agli oggetti di uso quotidiano.

Vivere Veleia

(1 incontro: sito archelogico di Veleia. Il percorso sarà attivo da aprile)

L’esplorazione di Veleia, iniziata più di due secoli fa, ha portato alla luce una città romana con la sua struttura, i suoi edifici e le tracce di alcuni suoi cittadini. Il percorso sarà un viaggio nel passato che darà la possibilità ai bambini di conoscere da vicino come gli antichi abitanti vivevano e quali erano le loro consuetudini.

(I costi di trasporto dell’operatrice e della classe sono a carico della scuola).

Parma al tempo dei Romani

(2 incontri: Palazzo Bossi Bocchi, centro cittadino)

Durante il primo incontro, che si svolgerà presso Palazzo Bossi Bocchi, verranno analizzati il contesto storico della nascita della città e le varie tappe della sua evoluzione, con un’attenzione particolare alla struttura urbanistica di età imperiale. Nel secondo incontro gli alunni verranno condotti per le strade della città moderna, alla scoperta dei luoghi più significativi di Parma in età romana.

STORIA DEL LIBRO E DELLA STAMPA

Bodoni e il suo carattere

(1 incontro: Museo Bodoniano. Il percorso sarà attivo da primavera)

I libri a stampa di Giambattista Bodoni erano considerati esteticamente perfetti e preziosi, desiderati e richiesti dalle corti del tempo. Il percorso svela il lavoro della tipografia bodoniana, come venivano prodotti i punzoni, come si batteva la matrice, come venivano fusi i caratteri e come veniva usato il torchio tipografico per stampare gli eleganti volumi, che divennero famosi in tutta Europa. Inoltre i ragazzi avranno modo di conoscere le varie parti del libro e di confrontare gli splendidi esemplari presenti in museo con i testi che usano quotidianamente.

Topi di biblioteca

(1 incontro: Biblioteca Palatina. Il percorso sarà attivo da primavera)

Nel contesto della Biblioteca Palatina, fondata nel Settecento e con una storia assolutamente d’eccezione nel panorama abituale delle istituzioni bibliotecarie “antiche”, si analizzano le scelte messe in atto al momento della sua istituzione e si individuano i punti di contatto e di divergenza con la biblioteca moderna.

Continuando l'accesso a questo sito web, acconsentite all'uso dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito è impostato in modo che continuando l'accesso acconsentite all'uso dei Cookie.

Chiudere